Archivi tag: padova

Il Pronto Soccorso dell’ospedale Sant’Antonio a Padova

Nel passaggio dal Pronto Soccorso di Camposampiero, di cui abbiamo parlato in un post precedente, a quello dell’ospedale Sant’Antonio a Padova, abbiamo riscontrato elementi comuni come il triage e altri differenti come la segnalazione dell’ordine di attesa, oltre alle diversità di  struttura, di indicazioni e di organizzazione dello spazio. Cercheremo anche nei Pronto Soccorso che visiteremo in futuro quali saranno le conformità e le diversità da tenere presenti per la comune riflessione.    Continua a leggere

Annunci

1 Commento

Archiviato in punti di vista, reportage, territori

Una dottoressa slow

L’uso del termine inglese slow, lento,  si è negli ultimi  anni sempre più diffuso nel discorso pubblico per connotare positivamente comportamenti, abitudini, atteggiamenti, attività. Dal più famoso slow food di Carlin Petrini, riguardante le abitudini alimentari,  fino ad altre attività come il turismo o la vita cittadina, il termine slow si è affermato in  contrapposizione al suo contrario fast, veloce, come reazione ad una modalità di vita frenetica e spesso convulsa. Continua a leggere

3 commenti

Archiviato in conversazioni, territori

Dottore non darmi spiegazioni, fammi capire

Una storia di decesso spiegato ma non compreso, raccolta per C&P da Adolfo Zordan

Ho voluto dare il mio contributo a C&P cercando di raccontare un fatto che mi ha molto colpito. Ne è protagonista Alice*. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in storie, territori

Un imprevedibile recupero dell’udito

Era una domenica mattina come tante altre quando mi alzai per preparare la colazione e  col sole che già inondava la stanza, programmavo le cose da fare dopo una pesante settimana di lavoro fuori casa. Non lo sapevo ancora ma da lì a poco la mia vita sarebbe cambiata. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in storie, territori, testimonianze

Quando lo “scontrino parlante” lascia…senza parole

Domenica notte a Padova, Daniele si avvicina allo sportello notturno di una delle farmacie di turno della città. Per lui è la più comoda perché conosce la zona e non vuole perder tempo, visto che ha passato quasi tutto il giorno in Pronto Soccorso per assistere la moglie che il giorno precedente ha avuto un incidente stradale. C’è un’altra persona prima ed attende il suo turno. Quando tocca a lui, porge attraverso lo sportello la prescrizione di un farmaco per la moglie, fatta in Pronto Soccorso. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in conversazioni, punti di vista, storie, territori